Le relazioni distruttive in una famiglia e un alcolismo

Mai più sole. Donne e Alcol.

Amo il marito dellalcolizzato

Un individuo codipendente tende a sviluppare rapporti interpersonali di natura unilaterale. Ignora le proprie esigenze e reprime le proprie emozioni, mettendo al primo posto l'altra persona [1]. Se temi di esserlo, leggi questo articolo per farti un'idea più precisa al riguardo. Categorie: Gestire Rapporti Difficili. Accedi Facebook Caricamento in corso Google Caricamento in corso Account wikiHow. Non hai ancora un account? Crea un account. Scrivi un articolo Altre Idee.

Usando il nostro sito web, accetti la nostra policy relativa ai cookie. Voce Modifica. Ci sono 22 riferimenti citati in questo articolo, che puoi trovare in fondo alla pagina. Metodo 1. Osserva se sei codipendente. Se ne sei affetto, probabilmente eviti le emozioni scomode o forti, mettendo al primo posto le esigenze di qualcun altro. In un rapporto codipendente, ci si concentra esclusivamente sul benessere e sulle esigenze dell'altra persona, ignorando completamente se stessi, spesso arrecando dei danni alla propria persona [2].

Osserva se tendi a comportarti in maniera codipendente. Se hai questo problema, manifesti determinati comportamenti. Nel corso della tua vita, potrai notarne solo un paio le relazioni distruttive in una famiglia e un alcolismo anche tutti.

Eccone alcuni: Tendenza a evitare le emozioni conflittuali o scomode, oppure a mascherare le proprie emozioni con espressioni passivo-aggressive di le relazioni distruttive in una famiglia e un alcolismo o le relazioni distruttive in una famiglia e un alcolismo. Assumersi la responsabilità delle azioni altrui o sovracompensare le azioni del partner.

Essere erroneamente convinti che amare significhi salvare un'altra persona. Questo induce a pensare costantemente alle esigenze dell'altro. Dare più di quanto si riceva nella relazione. Tendenza ad aggrapparsi a una relazione a ogni costo perché si ha una grande lealtà nei confronti del partner. Questo succede anche se il rapporto è dannoso, solitamente per evitare di sentirsi abbandonati.

Difficoltà a dire di no o sentirsi in colpa per essere assertivi. Preoccuparsi eccessivamente delle opinioni altrui le relazioni distruttive in una famiglia e un alcolismo pensare che abbiano più valore delle proprie [3]. Difficoltà a comunicare, a capire le proprie esigenze o a prendere decisioni [4].

Provare risentimento perché i propri sforzi e sacrifici non vengono riconosciuti. Questo spesso porta a sentirsi in colpa [5]. Poniti delle domande mirate sulle tendenze di natura codipendente. Se dopo avere osservato i tuoi comportamenti non sei sicuro di esserlo, prova a farti delle domande per provare a rivelarlo.

Eccone alcune: La persona con cui vivi ti ha mai picchiato o abusato di te in altri modi? Hai difficoltà a dire di no agli altri quando ti chiedono aiuto?

Sei travolto dagli impegni ma non chiedi mai aiuto? Hai mai dubbi sui tuoi desideri o sulle tue esigenze? Non credi nel tipo di persona che vuoi diventare? Fai di tutto pur di evitare un litigio? Ti preoccupi costantemente di quello che gli altri pensano di te? Pensi che le opinioni altrui siano più importanti delle tue? La persona con cui vivi ha un problema di alcolismo o tossicodipendenza? Hai difficoltà ad abituarti ai cambiamenti?

Ti senti geloso o rifiutato quando la tua partner trascorre del le relazioni distruttive in una famiglia e un alcolismo con i suoi amici o altre persone?

Hai difficoltà ad accettare complimenti o regali dagli altri [6]? Determina se la codipendenza provoca certi stati d'animo. In una relazione codipendente che sia iniziata da poco o da tempole emozioni costantemente represse, la fissazione sulle esigenze dell'altra persona e la continua negazione delle proprie necessità possono causare conseguenze persistenti.

Questo porta a: Sensazione di vuoto. Bassa autostima. Confusione in merito alle proprie esigenze, obiettivi e sentimenti [7]. Cerca di capire se stai vivendo una relazione basata sulla codipendenza. Generalmente, la dipendenza affettiva viene limitata alle relazioni sentimentali. Tuttavia, nonostante questa convinzione errata piuttosto comune, è possibile soffrirne in qualsiasi tipo di rapporto. Dal momento che interessa anche la famiglia, è possibile che il tuo nucleo familiare abbia vissuto o stia vivendo uno stato di codipendenza.

Tutte le esigenze della famiglia le relazioni distruttive in una famiglia e un alcolismo messe da parte per il benessere di un solo membro [8]. Determina se stai vivendo una relazione sentimentale codipendente.

Affinché un rapporto possa essere definito tale, questo deve presentare una dinamica ben precisa: uno dei membri della coppia ovvero il soggetto codipendente si prende cura dell'altro e gli offre tutte le sue attenzioni.

Solitamente, i soggetti che ricevono si caratterizzano per un bisogno eccessivo di controllare le attenzioni, l'amore, i rapporti sessuali, l'approvazione che offrono e ottengono. Spesso si prendono quello che vogliono attraverso manifestazioni di violenza, colpa, rabbia, irritazione, critiche, dipendenza, moralizzazione, discorsi incessanti, contatto fisico invadente o dramma emotivo. Cerca di capire se anche tuo figlio è codipendente. I bambini spesso si comportano in maniera simile a quella degli adulti, ma spesso lo fanno in un modo un po' mascherato perché ancora stanno imparando.

Ecco alcuni sintomi comuni: Incapacità di prendere decisioni. Bisogno estremo di rendere felici gli altri. Paura della solitudine.

Manifestazioni frequenti di rabbia. Scarsa assertività nelle comunicazioni interpersonali [10]. Metodo 2. Cerca di capire se la tua famiglia ha avuto problemi di codipendenza in passato. Spesso questo disturbo si ripete all'interno di una famiglia, e certi comportamenti vengono trasmessi ai figli. Le relazioni distruttive in una famiglia e un alcolismo dunque possibile che in passato tu abbia assistito o sia stato coinvolto da un rapporto codipendente.

In queste situazioni, ti è stato insegnato che è sbagliato esprimere i propri bisogni, desideri o emozioni. Forse durante la tua infanzia ti è stato chiesto di mettere al primo posto le esigenze di altre persone. Quindi, mentre crescevi, ti è stato insegnato a reprimere le tue esigenze emotive e fisiche a favore di un membro della famiglia.

Dopo essertene andato di casa, probabilmente hai perpetuato questo schema nei tuoi rapporti sentimentali e di altro tipo, quindi potresti averlo trasmesso ai tuoi figli [11] [12].

Considera se sei stato vittima di abusi. Anche queste esperienze spesso causano codipendenza. Infatti, la dipendenza affettiva diventa un mezzo per affrontare il trauma arrecato da un abuso. Reprimi le tue emozioni e le tue esigenze per concentrarti sulle necessità di un'altra persona. L'esperienza di abuso potrebbe essersi verificata durante la tua infanzia e forse si è prolungata senza l'intervento della tua famiglia.

Riconosci le cause più comuni di una relazione codipendente. I problemi di dipendenza affettiva possono manifestarsi in qualsiasi tipo di relazione o con qualsiasi tipo di persona, ma certi tipi di soggetti sono più predisposti di altri. Spesso nascono fra un individuo codipendente e un individuo che ha bisogno di cure. Ecco qualche le relazioni distruttive in una famiglia e un alcolismo Soggetti affetti da una dipendenza. Soggetti affetti da disturbi mentali.

Malati cronici [14]. Considera se hai vissuto l'esperienza del divorzio. Spesso si evita di parlarne con il genitore presente, in modo da non farlo preoccupare. Metodo 3. Scopri la causa della dipendenza affettiva. Se pensi di essere codipendente, dovresti rivolgerti a uno specialista per determinare la radice del problema.

Dal momento che la codipendenza spesso è collegata a esperienze anomale risalenti alla propria infanzia, bisogna collaborare con uno psicologo, uno psichiatra o un altro professionista per scavare nel passato e capire il motivo. Successivamente, lo specialista ti aiuterà ad affrontare le questioni irrisolte e a guarire [16]. Ecco i trattamenti più comuni: Formazione sul disturbo per capire come influisce sulla tua vita e sui tuoi rapporti [17]. Terapia di gruppo pratica, che si basa sull'uso di movimenti, azioni e attività per affrontare il disturbo.

Ci si avvale di attività come ippoterapia, musicoterapia e terapie espressive [18]. Psicoterapia individuale o di gruppo, che serve a discutere dei propri problemi ed esperienze. Impara a metterti al primo posto. Le persone codipendenti spesso dimenticano chi sono e quali sono i propri bisogni e desideri.

Copyright © All Rights Reserved. 2018
Proudly powered by WordPress | Theme: BetterHealth by CanyonThemes.