Schizofrenia alcolismo di psicosi depressivo dal maniaco psychopathia nevrosi

Psicosi e presunte psicosi

Il film su danno di alcolismo per adolescenti

Trattamento Sanitario Obbligatorio. Document publishing platform How it works. Enter Remember Me Request new password? Log in using OpenID. Documents Uncategorized. Bukowski, Noie alla batteria Storie di ordinaria follia Francia, primavera In un tribunale della provincia, un ventenne di nome Pierre Rivière confessa e spiega ai giudici le ragioni per cui il 3 giugno ultimo scorso ha sgozzato la madre, incinta di sette mesi, la sorella e il fratellino.

Non si riesce a spiegare il delitto efferato. Il movente è un delirio, non trova ragione. Che tipo di delirio? Gli assassinii sono distinti in base alla gravità. Madre e padre vivono separati e Pierre sta col padre. La sorella e il fratello minore con la madre. Perché uccide la schizofrenia alcolismo di psicosi depressivo dal maniaco psychopathia nevrosi Sta dalla parte della madre, e il fratellino?

Affinché il padre non si senta in colpa o abbia idea di averlo istigato, vuole accollarsi tutto, in modo da poter essere odiato dal padre stesso, sacrificio maledetto. In tale circostanza la giustizia non sa come agire. Nulla di comparabile col delitto, di comprensibile alla ragione. I giudici si rivolgono al medico locale che non trova segni di follia. Si richiedono due fasi.

La prima 1 2 Foucault, M. Foucault, M. Corso al Collège de FranceMilano, Feltrinelli, Rivière gestisce bene il colloquio, nessuna follia. Pena di morte. Il padre di Rivière, lungi dal maledirlo, chiede un consulto a Schizofrenia alcolismo di psicosi depressivo dal maniaco psychopathia nevrosi. La commissione è presieduta dal Principe degli psichiatri francesi: JeanÉtienne Dominique Esquirolil più illustre allievo di Philippe Pinelinventore del trattamento morale. Risultato: monomania, nuova categoria diagnostica, introdotta dal medesimo Esquirol, nella nosografia psichiatrica.

Quando la Commissione Esquirol si esprime, la sentenza è ormai passata in giudicato. Questo è uno dei ritratti della follia in epoca moderna: imprevedibile, si mostra quando agisce, prima di allora i segni sono sottili, impercettibili.

Il dibattito sulla follia omicida mette in crisi la teoria della libertà di volere. Gli psichiatri a volte lo valutano come sano di mente, a volte come incapace di intendere. I primi ritengono che questi gesti possano manifestarsi in ognuno di noi, in me e in te, caro lettore, indifferentemente.

Il Romanticismo vive della narrazione di questa condizione. Possiamo cominciare da Don Chisciotte, passando per il giovane Werther, fino ai schizofrenia alcolismo di psicosi depressivo dal maniaco psychopathia nevrosi di Beckett e Joyce. Alienazione è termine polisemico. Marx, K. Introduzione 9 zo più alto del salario speso per il schizofrenia alcolismo di psicosi depressivo dal maniaco psychopathia nevrosi.

Questa differenza si chiama plusvalore, condizione proletaria. Perdita del centro, condizione esistenziale del borghese decadente e del barbone: Roquentin nella Nausea di Sartre5, il Molloy di Beckett6, il flâneur di Baudelaire e Benjamin7, il cittadino blasé di Simmel8, pur nelle loro differenze.

Collettiva, nel primo caso, individuale, nel secondo. Ci vogliono nuove categorie diagnostiche, nasce la diagnosi differenziale. Chi è pazzo, secondo i modelli settecenteschi, non è pericoloso. Ecco perché la follia è malattia da governare, non da curare. Da quel momento, in Italia, fino algli psichiatri e gli infermieri psichiatrici diventano agenti di custodia.

Nela Trieste, Franco Basaglia apre le porte del manicomio. Marco Cavallo diventa il simbolo della liberazione dei matti, dei medici e degli infermieri.

Proprio qui, nel cuore della follia, si tratta di vedere se il gesto efferato di un Pierre Rivière debba essere giudicato in base a categorie diagnostiche, oppure no. Se sia necessaria una distinzione tra il piano giuridico e quello psicologico, se le intenzioni debbano avere ragione degli 5 6 7 8 Sartre, J-P.

Beckett, S. Baudelaire, C. Simmel, G. Nel caso di Rivière, se il suo stato mentale debba avere la meglio rispetto allo spietato omicidio di due donne, di cui una incinta, e un bambino. Il tentativo di salvare la vita di Rivière esita in suicidio. Se non si fosse suicidato sarebbe stato un ergastolano, ma il folle, qualsiasi reato commetta, è sempre un ergastolano.

È sempre potenzialmente pericoloso per via della diagnosi, anche quando di reati non ne ha commessi. Soffrono, e la cura consiste in un procedimento che li renda liberi dai loro fantasmi, mentre la gendarmeria crede che i pazzi debbano essere controllati per proteggere i sani. Se si pensa a Pierre Rivière, il cammino della psicologia clinica è duro, impossibile. Nello stesso tempo le pratiche istituzionali rimangono ancorate al bisogno di una diagnosi assoluta: sei pazzo, oppure no?

Germania, Attraversa un periodo ipocondriaco e depressivo, tenta il suicidio. Viene ricoverato e curato da Paul Flechsig Sogna rapporti sessuali con lo Psichiatra, polluzioni notturne, ma riprende il lavoro di giudice. Durante la notte continua a sognare di avere rapporti sessuali, ma il posto di Flechsig viene rapidamente preso da Dio.

Sogna che i raggi divini lo penetrino e lo facciano godere come una donna. Il sogno si trasforma in delirio. A questo proposito Dio lo sta trasformando in donna attraverso i raggi che penetrano nel suo ano. Ano solare9. In quelle ope9 Deleuze, G. Introduzione 11 re si propongono diversi strumenti correttivi per costringere i bambini a studiare: cinture, cui andrebbero legati per mantenere la posizione eretta e costretti a rimanere fermi, marchingegni simili alle tuniche di forza, alle cinghie di contenzione manicomiali, ai compressori ovarici per le isteriche.

Poi un numero imprecisato di psicoanalisti, psicologi e storici. Schreber è uno dei primi pazienti a dare la sua versione. Abbiamo accesso al testo grazie a una battaglia giuridica condotta e vinta dallo stesso Schreber.

Fine giurista, Schreber si appella alla Corte di Giustizia che, dopo una lunga controversia tra lui e lo psichiatra nominato dal tribunale, gli concede i diritti civili, pur confermando la diagnosi di paranoia.

Due esempi opposti. Perché la questione Schreber anticipa Basaglia? Schreber pone per sé la stessa questione che Basaglia porrà per tutti. Un folle ha diritto di cittadinanza? La richiesta giuridica di Schreber si articola su due livelli: io, sostiene, ho davvero una missione da compiere, che è quella schizofrenia alcolismo di psicosi depressivo dal maniaco psychopathia nevrosi nel mio libro.

Voi credete che questo sia un delirio, io vi chiedo di credermi. Inoltre non ho mai dato fastidio o molestato, non sono socialmente pericoloso, questo lo devono riconoscere anche lo psichiatra e gli infermieri che mi curano. La sentenza ribadisce la diagnosi psichiatrica, ma, per la prima volta, decide che la diagnosi non impedisce al folle di mantenere i diritti civili.

Memorie di un malato di nervi è oggi un romanzo che si acquista in libreria Là un giovane cui è assegnata una categoria diagnostica per venire salvato dalla pena di morte. Qui un folle evidente, ma schizofrenia alcolismo di psicosi depressivo dal maniaco psychopathia nevrosi, cui vengono tolti i diritti civili e viene rinchiuso senza rimedio.

Anche escludendo i massacri di massa, le guerre, e altre fonti di pericolosità istituzionale, che prevedono governanti sani di mente, la maggior parte degli assassinii sono da attribuire a individui di genere maschile sani di mente. Wolfson nel romanzo è le jeune öme schizophrène, nel suo francese riformato. È sotto tutela, affidato alla madre, dichiarato incapace dai servizi psichiatrici, benché ottenga il punteggio massimo ai test 11 Wolfson, L.

Introduzione 13 di medicina. Wolfson apre un schizofrenia alcolismo di psicosi depressivo dal maniaco psychopathia nevrosi dibattito tra gli intellettuali francesi. Cosa significa delirio, nel caso letterario e nella vita quotidiana? È un caso letterario e un caso di schizofrenia: una scissione culturale, a Parigi uno scrittore, a New York uno schizofrenico. Nel frattempo la madre di Wolfson, che lo ha in custodia, muore. Contemporaneamente, prepara, per la Francia, un secondo romanzo in cui ripercorre la morte della madre.

Mia madre musicista è morta Non annota un evento, classifica una persona, la interdice dal mondo. Wolfson inventa un procedimento letterario che lo cura. Consiste nel deviare le parole inglesi attraverso le altre lingue che conosce. Gesto eroico, ma pazzesco.

Copyright © All Rights Reserved. 2018
Proudly powered by WordPress | Theme: BetterHealth by CanyonThemes.