Se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica

ALCOOL E FITNESS: Come Incide sul Mio Fisico?

Secondo delirium tremens

Le scienze criminali La criminologia come scienza Lorizzonte della criminologia Delitto e sua definizione Diritto penale e criminologia: quale rapporto? Metodi e fonti della ricerca criminologica La ricerca di tipo quantitativo La ricerca di tipo qualitativo Altri strumenti applicati alla ricerca Il numero oscuro.

La delinquenza e let Relazione tra se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica, nazionalit e delitto Immigrazione e criminalit Pauperismo e criminalit Sistemi di controllo sociale. I fondamenti dellimputabilit Concetto di infermit Stati emotivi e passionali Imputabilit e abuso di alcool e stupefacenti Imputabilit dei minorenni La recidiva.

Le sottoculture criminali Famiglia e delittuosit La criminalit economica La criminalit informatica Se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica criminalit organizzata e le moderne tecnologie La criminalit stradale La criminalit bianca o dei colletti bianchi La delinquenza ed il teppismo allo stadio Il terrorismo internazionale Usura ed estorsioni Criminalit comune Criminalit ecologica Omicidi colposi per infortuni sul lavoro Criminalit e paranormale Stte e criminalit La criminalit rurale Famiglia, scuola, mass-media e criminalit La criminalit clericale La criminalit femminile Gli omicidi in condominio I minori e luso distorto delle tecnologie di comunicazione Le risposte alle devianze minorili.

Laggressivit Criminali aggressivi Delinquenti normali e anormali I delitti sessuali tra violenza ed aggressivit Asfissia autoerotica o asphyxophilia Necrofilia e necrofagia.

Teoria delle aree criminali Teoria della patologia sociale Teoria dei conflitti culturali Teoria delle associazioni se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica Teoria dellidentificazione differenziata Teorie sottoculturali Teoria dellanomia secondo Merton e Durkheim Teoria dellimmunit differenziale Teoria del numero oscuro Teoria delletichettamento Teoria della disorganizzazione sociale Teoria delle aree naturali della criminalit Teoria delle tecniche di neutralizzazione Teoria delle opportunit differenziali di Cloward e Ohlin Teoria dello stimolo rafforzatore differenziato di Burgess e Akers.

Il contributo della psicoanalisi La teoria analitica di C. Jung La psicologia del comportamento Lintegrazione psico-ambientale La teoria non direzionale dei Glueck La teoria dei contenitori. Gli studi sul comportamento umano La predisposizione al crimine Il comportamento criminale violento Il cannibalismo.

La diffusione della droga e levoluzione legislativa Consumatori, tossicodipendenza e tossicomania Le sostanze stupefacenti Relazione tra sostanze stupefacenti e delitto Lalcolismo Etilismo acuto e cronico Relazione tra alcolismo e delitto Tossicomania e adolescenza.

Introduzione Losservazione criminologica: il colloquio La prognosi delinquenziale La pericolosit sociale La vittimologia. Le donne se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica vittime Le forme di violenza Donne e violenza intrafamiliare Luxoricidio I centri anti-violenza Trattamento delle donne vittime di violenza. Introduzione Cause di morte Il DNA Altre tecniche applicate al DNA Le nuove frontiere dellentomologia forense Autopsia e interpretazione La tossicologia forense Le sostanze tossiche Le forme pi frequenti di avvelenamento nelluomo La perizia tossicologica La prassi della perizia tossicologica.

Introduzione Il sopralluogo: aspetti giuridici Scena criminis: organizzazione e procedure per le operazioni di ricerca Reperti della scena criminis: tecniche di raccolta e di conservazione Il luminol La grafoscopica La biometria. Si tratta di unopera intelligente che ha saputo fondere, nel presente volume, i contributi multidisciplinari, in particolare del diritto, della psicologia, della sociologia, della psichiatria, dellantropologia criminale e della medicina-forense.

Infine, lultima parte del volume contiene cinque capitoli dedicati alla criminalistica. Si tratta, in realt, di una visione scientifica che tiene conto della natura interdisciplinare e multidisciplinare della criminologia, cui si dedicano i primi quattordici capitoli dellOpera.

Tuttavia, in unanalisi protesa al futuro, come quella compiuta dallAutore, non si trascura la tendenza, ormai ampiamente realizzatasi nei Paesi di cultura anglosassone, di considerare le varie branche che compongono la criminologia, nellambito di un pi generale albero da cui si diramano i rami delle scienze forensi. In realt, quella che ancora chiamata criminalistica, rappresenta uno spaccato sintetico ed essenziale del contributo delle scienze forensi allinvestigazione criminale.

Allinizio, lAutore, esamina i cardini fondanti della disciplina, per poi procedere a una disamina delle metodologie e delle fonti delle conoscenze criminologiche. Analizza, altres, le relazioni intercorrenti tra le fenomenologie delittuose e i fattori sociali, economici, istituzionali, situazionali, al fine di identificare le fattispecie criminose pi comuni, sia tradizionali, sia di pi recente emersione, dedicando una parte della trattazione alle teorie sociologiche, psicologiche e multifattoriali che concorrono alle spiegazioni del delitto.

Lo studio delle implicazioni che seguono alla commissione dei crimini non pu prescindere, secondo il Malizia, da un approccio incentrato anche sul ruolo della vittima, sempre pi ritenuta, oggi, soggetto interagente nella complessa dinamica relativa alle origini, ai moventi e alle modalit dellazione criminosa.

Queste metodiche, peraltro, non sono avulse dal contenuto pi generale dellOpera, ma sono inserite in un contesto appropriato che parte dallanalisi scientifica della scena del crimine per individuarne i reperti fondamentali e per costruire, su di essi, le fasi Il Volume diretto agli studenti ed anche agli operatori del settore, e pu trovare una ulteriore fascia di lettori anche nel pubblico pi generale, perch scritto in modo chiaro, non d nulla per scontato, ed esprime compiutamente il pensiero dellAutore, il quale, da anni ormai, insegna quotidianamente la criminologia in diversi corsi universitari e anche alla Forze dellOrdine.

Sono molto orgoglioso di concludere questa mia presentazione dicendo di conoscere personalmente il Malizia, del quale apprezzo le qualit umane e scientifiche. Miinoltre, gradito constatare che la grande domanda di conoscenza, che negli ultimi anni si espressa in Italia nel campo delle scienze criminali, abbia finalmente cominciato a produrre unofferta, moderna, aggiornata, adatta alla formazione, non pi costellata da semplici conoscenze, ma da contenuti e metodi di professionalizzazione.

Sono convinto che anche in Italia, come negli altri Paesi, gi in atto una trasformazione sociale e tecnologica che porter, sempre pi, alla individuazione e valorizzazione delle competenze criminologiche in ambiti lavorativi diversi, crescenti e sempre pi qualificati. Tra questa scienze vi rientrano, oltre alla criminologia, la vittimologia, la politica penale o criminaleil diritto penale, il diritto penitenziario, la psicologia giudiziaria e giuridica, la criminalistica.

La vittimologia ha, da poco, guadagnato la dignit di scienza autonoma dalla criminologia, e ha per oggetto lo studio della vittima del crimine, della sua personalit, delle sue caratteristiche psicologiche, morali, sociali e culturali, delle sue relazioni con il criminale, ovvero lindividuazione di quei fattori che determinano o facilitano la vittimizzazione di determinati soggetti o categorie di soggetti.

Ma lo studio della vittima pu contribuire, anche se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica il profilo delle tecniche di individuazione del reo, alla elaborazione del c.

Quanto alla politica penale, pur non potendola considerare come disciplina autonoma, doveroso sottolineare che essa pone gli obiettivi che saranno successivamente perseguiti dal diritto penale: stimoli che sono frutto delle attuali sollecitazioni sociali in materia di prevenzione della criminalit, pensiamo, ad esempio, la depenalizzazione di alcune fattispecie superate di reati e la conseguente creazione di fattispecie delittuose nuove, come logica conseguenza del modificato sentire sociale.

La politica penale, si avvale, nel fine ultimo di studiare, elaborare e proporre gli strumenti e i mezzi per combattere la criminalit, di molteplici saperi e altrettante discipline: pensiamo allantropologia, al diritto penale e processual-penale, alla stessa criminologia, alla sociologia, alle scienze economiche, a quelle morali e filosofiche.

Se la politica criminale un aspetto della politica sociale, e attribuisce al diritto penale il ruolo di estrema ratio, questultimoal tempo stesso, suo strumento e limite. Mentre lo scopo della prima politica socialeinfatti, consiste nella prevenzione della criminalit, il secondo diritto penaledefinendo di fatto i singoli crimini e le risposte che a essi vanno date, diventa il mezzo di attuazione di tale politica.

Il diritto penitenziario costituito dallinsieme delle disposizioni legislative che regolano la fase esecutiva del procedimento giudiziario penale. Recentemente, questa disciplina ha allargato il raggio di azione del proprio intervento, dalla semplice carcerazione alle varie forme di misure sostitutive o alternative alla pena detentiva.

Legittimit di scienze criminali hanno anche la psicologia giudiziaria, che approfondisce le interrelazioni psicologiche tra i vari protagonisti del procedimento giudiziario dalla persona offesa al testimone, dallimputato al magistrato, sino alloperatore amministrativoe la psicologia giuridica, ramo della psicologia applicato al diritto.

Infatti, proprio lo studio e la comprensione dellatteggiamento psicologico assunto dai vari soggetti che, direttamente o indirettamente, vengono in contatto con il procedimento giudiziario, si f sempre pi importante, anche dal punto di vista pratico: pensiamo al perito che deve analizzare limputato, al difensore nellambito della scelta se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica strategie difensive, allquipe di osservazione e se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica in se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica penitenziario, e cos via.

Uno dei settori in cui, maggiormente, la ricerca stata approfondita quello della psicologia della testimonianza; ma pensiamo, anche, alle tecniche di conduzione dellesame incrociato nel processo penale, ai rapporti tra le varie figure professionali che vengono a contatto e talvolta collidono nelle aule di giustizia, o, addirittura, tra i componenti laici e togati di un medesimo collegio giudicante.

La criminalistica, invece, utilizza una serie di conoscenze, per far fronte ai problemi di indagine di investigazione criminale. Pu intendersi come linsieme delle molteplici tecnologie e saperi che vengono utilizzati per linvestigazione criminale, come la balistica giudiziaria, la dattiloscopia, lanalisi di materiali biologici, dei gruppi sanguigni, delle tracce ematiche, del DNA per lidentificazione del colpevole, la ricerca dei residui di polveri da sparo, e inoltre, la medicina legale, la grafometria e la comparazione calligrafica, nonch, le indagini tossicologiche.

La medicina legale tratta dellapplicazione delle conoscenze mediche al diritto, contribuendo alla elaborazione, interpretazione e applicazione di precetti giuridici che riguardano la tutela della vita e dellintegrit psico-fisica. Se da un lato, mantiene ancora lindirizzo giuridico-forense e i tradizionali rapporti con lamministrazione della giustizia occupandosi dello studio del cadavere e della medicina del delitto, dallaltro, particolarmente in Italia, i suoi compiti investono, ormai, tutti i rapporti fra la persona umana e lordinamento giuridico-sociale, se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica unampia collocazione nellambito del S.

Ogni fatto medico pu nascondere svariati risvolti giuridici; il compito della medicina legale proprio quello di partire dalla situazione clinica per verificare lapplicabilit di una normativa lungo un iter che, passando attraverso una semeiotica, talvolta peculiare, non ha il fine diagnostico-terapeutico, ma quello di determinare leffettiva natura ed se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica degli esiti di un particolare evento e di accertare il nesso di causalit materiale fra tale evento e gli esiti stessi giudizio medico La metodologia medico-legale si applica alla diagnosi, alla prognosi e ai giudizi conclusivi che rappresentano il presupposto per la risposta a quesiti di interesse medico e giuridico.

Oggi, da parte di coloro che si approcciano allo studio della criminologia, si riscontra, per lo pi, il desiderio di conoscenza delle metodologie che ineriscono, ad esempio, la criminologia clinica o applicata, oppure la criminalistica, tenuto conto, peraltro, anche della continua influenza mediatica su tali argomentazioni; ci, a detrimento del necessario e primario approccio alla criminalit che deve concretizzarsi, in primis, nella conoscenza di quella che possiamo definire come la storia e levoluzione della criminologia.

Nellultimo decennio, si assistito ad un intenso dibattito sul ruolo di questultima. Da un lato, considerabile come scienza multidisciplinare, dove per multidisciplinare si intende quella singola branca del sapere che, per il suo autonomo sviluppo, richiede necessariamente competenze molteplici.

La criminologia, pertanto, avrebbe questa caratteristica in quanto si occupa del fenomeno criminoso secondo plurime prospettive, e, in essa, andrebbero a confluire e ad integrarsi le conoscenze esistenti sul fenomeno delittuoso. Se si mantiene questo status, la criminologia, sembrerebbe orientata a rinunciare a una propria autonomia, in quanto si ripropone il problema di come una disciplina possa costituirsi quale momento di sintesi e di integrazione di conoscenze provenienti da discipline tra loro eterogenee.

Per uscire da questa impasse, allora, necessario considerare la criminologia come scienza interdisciplinare; ci presuppone il dialogare con altre discipline autonome con le quali ha in comune lo studio del comportamento antigiuridico o antisociale, allo scopo di conoscere le sue cause e di realizzare adeguati programmi di prevenzione e di trattamento. La interdisciplinariet, per, viene dagli studiosi considerata come una sorta di espediente epistemologico, tenuto conto che il criterio interdisciplinare non pu riguardare una singola disciplina, e presuppone uninterazione fra distinte discipline, le quali possono interagire, se hanno gi acquisito unidentit e forse una pseudoautonomiae se sono nella condizione di apportare, attraverso propri schemi concettuali, un proprio modo di definire i problemi e di impostare la ricerca.

Linterdisciplinarit un momento di convergenza funzionale ed entra in gioco successivamente al fatto se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica pi discipline abbiano affrontato uno o pi problemi in comune, tenuto conto della propria specificit e delle proprie strategie interpretative. Penati, ad esempio, sostiene che lintroduzione di un criterio interdisciplinare non preceduto da uno studio preliminare e necessariamente distinto per discipline, livellerebbe genericamente il sapere al grado di mera esperienza effettuale e di confuso ten Linterdisciplinarit accostamento e utilizzazione di teorie e modelli sviluppati nellambito di determinati contesti e paradigmi dotati di linguaggi loro propri, e, come tale, porta a una semplice sovrapposizione di fuochi giungendo, quindi, nel migliore dei casi, a enunciare proposizioni tautologiche, e, nel peggiore, alla confusione.

Ponti, allinizio, aveva caratterizzato la criminologia come scienza multidisciplinare e interdisciplinare, successivamente rivede la propria posizione rispetto allinterdisciplinarit, affermando che la criminologia scienza a carattere interdisciplinare, in quanto, ha anche la necessit di coltivare rapporti interdisciplinari.

Limmagine della criminologia quale scienza sintetica si giustifica se essa concepita in termini di scienza empirica, caratterizzata dal metodo induttivo, e fondata sullosservazione tale che la scienza si riduce a un insieme di asserzioni che descrivono osservazioni, e che aumenta e progredisce amplificando il volume delle asserzioni che descrivono osservazioni.

Vassalli, afferma che la criminologia esprime, oramai, laspirazione a una visione unitaria e sintetica del fenomeno individuale e sociale della delinquenza, nella quale si compongono le diverse esperienze e le diverse conoscenze che, a tale visione, il pi possibile compiuta, possono contribuire, ordinate in relazione a chiari punti di partenza comuni e secondo una comune finalit di verit obiettiva, le conoscenze intorno al fenomeno delittuoso, ai suoi fattori, al suo modo di manifestarsi, ai suoi effetti individuali e sociali, alla sua valutazione e comprensione.

Collegato a questo approccio il metodo induttivo, secondo il quale la ricerca scientifica parte dallosservazione, per poi, con cautela, passare alle leggi generali. Il passaggio da asserzioni particolari ad asserzioni generali viene, quindi, giustificato sulla base di se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica di fatti-asserzioni.

La codificazione della criminologia come scienza sintetica deriva dallavere confuso la comprensibile aspirazione a un sapere, il pi articolato possibile, sulla questione criminale con la codificazione della criminologia quale scienza interdisciplinare, multidisciplinare. Secondo questa interpretazione, alla criminologia pu essere attribuito il compito se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica comporre le diverse esperienze e conoscenze intorno al fenomeno delittuoso, alle sue manifestazioni, ai suoi effetti, alla sua valutazione e comprensione, purch, si prenda atto che la criminalit e il comportamento criminoso possono essere ricondotti ad unit, unicamente se se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica abbandona lillusione di poter costruire ununit disciplinare sulla base di unintegrazione di conoscenze appartenenti a discipline e professioni diverse.

Allo stato attuale, tuttavia, i criminologi tradizionali non appaiono in grado di risolvere le contraddizioni della loro codificazione di criminologia, soprattutto, perch non hanno posto attenzione sul fatto che, allorch discipline e professioni diverse interagiscono, non si limitano a offrire un contributo autoreferenziale, ma producono frammenti di conoscenza e di operativit che sfuggono ai rispettivi vincoli.

Per la criminologia diventa, allora, necessario immaginare che i saperi costitutivi del diritto, della medicina, della pedagogia, della psichiatria, della psicologia, della sociologia, pur conservando autonomia e originalit, rappresentano frammenti conoscitivi Calzante lesempio di Pisapia a proposito del dibattito sullautonomia della criminologia.

Si immagini un appartamento composto da pi locali. Ognuno di questi locali rappresenta una disciplina o una professione interessate a offrire un contributo alla questione criminale: criminalistica, diritto, pedagogia, politica criminale, psichiatria, psicologia, servizio sociale, sociologia, ecc.

Se si considera la criminologia che per autodefinizione si pone quale scienza del crimine una delle discipline interessate alla questione criminale, essa andrebbe a occupare una delle stanze dellappartamento e non potrebbe essere delineata quale disciplina che sintetizza e integra, le conoscenze prodotte dalle altre discipline.

Se identificassimo la criminologia con ledificio che contiene quellappartamento, essa, avrebbe la presunzione di porsi come metascienza, e le altre discipline non sarebbero che sottodiscipline della criminologia.

Si pensi, invece, alla criminologia come al corridoio che attraversa i confini delle diverse stanze, corridoio che le distingue luna dallaltra, ma che consente, a queste, di comunicare. Allorch emerge una situazione che chiama in causa alcune delle discipline presenti, ognuna di queste supera la propria soglia e, sulla base della propria competenza, porta uno specifico contributo.

La criminologia, rappresenta, in quanto spazio comune e condivisibile, la condizione affinch questi contributi possano confrontarsi, mantenendo, ciascuna, la propria identit; essa si pone come spazio al cui interno le differenti discipline e professioni producono frammenti di conoscenza e di operativit che se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica ai rispettivi vincoli.

Limmagine di criminologia che emerge quella di unarea di sapere che si caratterizza quale potenzialit progettuale di connessione e, quindi, a mano a mano che si sviluppa il processo di interazione, quale competenza metodologica che se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica sostanzia nella possibilit di trasformare i contributi delle diverse discipline e professioni in risorsa di complementarit.

La criminologia, pertanto, non si pone come motore di rielaborazione delle conoscenze acquisite da altre discipline, n rappresenta, per tale motivo, una scienza di secondo livello, n una metascienza nel dare senso e significato alle altre scienze; al contrario, si presenta come dimensione di costruzione di nuove conoscenze.

La criminologia, pertanto, deve essere intesa quale se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica di regolazione disciplinare e professionale che attiene, non solo alla fase successiva allemergere del confronto, ma che riguarda i processi, grazie ai quali, questa interazione si origina e si sviluppa.

Canepa, a tal proposito, sosteneva che la criminologia dovesse essere concepita come ricerca criminologica. Unintuizione, come lo stesso affermava, che stata troppo presto abbandonata; si preferito attestarsi sullidea di criminologia quale scienza interdisciplinare del comportamento antisociale nelle sue varie forme: dal semplice disadattamento alle forme di antisocialit pi definita in senso oppositivo, fino al comportamento delittuoso antisocialit come delitto. Allinterno della ricerca criminologica, Canepa individua una ricerca fondamentale che studia le cause del comportamento antisociale prescindendo dallutilizzazione pratica dei risultati, e, una ricerca applicata che si concreta nella programmazione di interventi per la prevenzione del comportamento antisociale.

La criminologia, pi che una disciplina in senso tradizionale,quindi, concepita come ricerca delle condizioni che consentono di strutturare domande e offrire risposte sui diversi aspetti che compongono la questione criminale: dalla produzione delle norme alle definizioni sociali di devianza e di criminalit; dallapplicazione delle norme, allapplicazione effettiva delle definizioni sociali di criminalit e devianza a soggetti specifici; dalla condanna di coloro che sono ritenuti autori di reato allesecuzione della pena e delle misure di sicurezza, senza trascurare le vittime di reato.

Norme di condotta e regole di interazione accompagnano lindividuo nella maturazione della propria esperienza sociale nel corso della vita quotidiana, ed anche a questo insieme di norme e di regole, denominato normativo-quotidiano, che il criminologo, ma non solo il criminologo, pu fare riferimento.

Il fatto che linteresse dei criminologi tradizionali sia stato quasi sempre il momento in cui le norme di condotta danno corpo a situazioni considerate socialmente negative non pu fare dimenticare che una situazione problematica pu essere spiegata se si hanno gli strumenti analitici per delineare le condizioni che rendono possibile unesperienza di incontro con le norme di condotta, al fine di spiegare anche il momento di conflitto.

De Greef riteneva la criminologia scienza in s inesistente, sia per lincertezza, e la contingenza, che per lipoteticit delle sue teorie. Se una scienza deve rispondere ai criteri di sistematicit e controllabilit, si pu certamente affermare, che, ai due criteri, risponde, perfettamente, la criminologia. Per sistematicit, si intende la costruzione di un complesso di conoscenze acquisite su un determinato oggetto, integrate, in un complesso armonico e strutturato.

Per controllabilit, la possibilit di sottoporre tali conoscenze se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica c. Accanto alla sistematicit ed alla controllabilit, si riscontrano: la capacit teoretica, quella cumulativa, ed infine, quella predittiva.

Se è possibile recuperare da alcolismo lindagine scientifica capacit teoretica di una scienza, si concretizza nel trasformare in proposizioni astratte unite da nesso logico proposizioni costituenti la c. La capacit cumulativa consiste, invece, nella caratteristica delle scienze di analizzare, correggere, amplificare o perfezionare, attraverso teorie pi recenti, quelle in precedenza formulate. La capacit predittiva consiste nello sforzo di potere prevedere comportamenti dei singoli soggetti e dellintera collettivit, anche se dobbligo precisare che la predizione per tali dimensioni presenta limiti obiettivi e fisiologici.

Studi paralleli alle scienze criminali sono stati compiuti anche da altre discipline, quali la psichiatria, lantropologia criminale, la sociologia, la statistica, la pedagogia, discipline che hanno fornito, e continuano a fornire, spunti scientifici di applicazione di indubbio valore e significato. Nonostante le diverse sistemazioni teoriche che si sono avvicendate nel tempo, e tenuto conto che la criminologia ha compiuto passi da gigante, fino ad oggi, sul piano scientifico, e del posto importante che ha finito per occupare tra le attivit istituzionali, ancora oggi, le domande rimangono le stesse:.

Bruno osserva che sostenere che la criminologia una scienza multidisciplinare e interdisciplinare non un'asserzione chiara e definitiva. Se si vogliono utilizzare definite e utili categorie concettuali per identificare il nucleo duro della disciplina, e capire il ruolo della criminologia moderna, si deve andare pi in profondit a spiegare il significato reale delle parole, adottando un approccio che possa considerarsi effettivamente comprensivo e sistematico. Selling afferma, ad esempio, che il termine criminologia dovrebbe essere usato per designare il corpo di conoscenze scientifiche disponibili sul crimine.

Il problema, tuttavia, non risolto, n da questa, n da altre pi lunghe e complesse definizioni. Infatti, nuove difficolt sorgono proprio dalla necessit di dare una definizione operativa e, quindi, utilizzabile della parola crimine.

Il crimine pu essere definito sia come un fenomeno sociale che come un tipo di comportamento umano, sia come una violazione o infrazione della legge che come un atteggiamento morale mirato al male. La scelta delluno o dellaltro significato pu dipendere non solo dal punto di vista che si preferisce, ma, anche, dallo scopo che si vuole raggiungere con lanalisi.

Copyright © All Rights Reserved. 2018
Proudly powered by WordPress | Theme: BetterHealth by CanyonThemes.