Tendenza ad alcolismo di tecnica

Dipendenza dall'Alcool - Quali segni, quali terapie per disintossicarsi

Il delirium tremens per leggere

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo Bugiardino di Xanax. Eccipiente con effetti noti: lattosio. Le benzodiazepine sono indicate soltanto quando il disturbo è grave, disabilitante o sottopone il soggetto a grave disagio. XANAX compresse a rilascio prolungato deve essere somministrato una volta al giorno, preferibilmente al mattino.

Le compresse devono essere assunte intere; non devono essere masticate e non devono essere frantumate o divise. Il dosaggio ottimale di XANAX compresse a rilascio prolungato va individualizzato a seconda della gravità dei sintomi e della risposta soggettiva del paziente. Le indicazioni posologiche riportate dovrebbero coprire le esigenze della maggior parte dei pazienti. Qualora fosse necessario un dosaggio più elevato le dosi vanno aumentate gradualmente per evitare rischi di effetti collaterali.

In generale i pazienti mai trattati con psicofarmaci richiedono dosi minori rispetto a quei pazienti precedentemente trattati con ansiolitici o sedativi, tendenza ad alcolismo di tecnica, ipnotici o a pazienti alcolisti cronici.

Si consiglia di usare sempre la dose più bassa per evitare il rischio di sedazione residua o atassia. In caso di effetti collaterali già con la somministrazione iniziale si consiglia di diminuire il dosaggio.

I pazienti dovrebbero essere rivalutati regolarmente e la necessità di un trattamento continuato dovrebbe essere valutata attentamente, particolarmente se il paziente è senza sintomi. I pazienti anziani possono essere più sensibili agli effetti delle benzodiazepine.

Si consiglia un dosaggio più basso anche in pazienti con insufficienza respiratoria cronica per evitare il rischio di depressione respiratoria. Il trattamento con XANAX compresse a rilascio prolungato deve essere iniziato con una dose da 0,5 mg -1 mg una volta al giorno.

Generalmente, la terapia deve essere iniziata ad una dose bassa per ridurre al minimo il rischio di tendenza ad alcolismo di tecnica avverse in pazienti particolarmente sensibili al farmaco. La durata necessaria del trattamento per i pazienti affetti da disturbi da attacchi di panico che rispondono a XANAX compresse a rilascio prolungato non è nota. Si consigliano, comunque, controlli periodici.

Si suggerisce di ridurre il dosaggio giornaliero di non più di 0,5 mg ogni tre giorni. I pazienti che siano già in trattamento con dosi refratte di XANAX formulazione standard, ad esempio volte al giorno, possono passare a XANAX compresse a rilascio prolungato alla stessa dose giornaliera totale assunta una volta al giorno.

XANAX compresse a rilascio prolungato è controindicato in pazienti con una nota ipersensibilità alle benzodiazepine, al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6. Sindrome da apnea notturna.

Limitare dosaggi e durata del trattamento al minimo richiesto. Si raccomandano le usuali precauzioni nel trattamento di pazienti con alterata funzionalità renale e insufficienza epatica lieve o moderata.

Tendenza ad alcolismo di tecnica benzodiazepine dovrebbero essere usate con attenzione estrema in pazienti con una storia di abuso di droga o alcol vedere paragrafo 4. Al disturbo da attacchi di panico è associata una concomitante patologia depressiva primaria o secondaria con aumento dei casi di suicidio nei pazienti non trattati. Pertanto la medesima precauzione deve essere presa sia quando si utilizzano le dosi più elevate di XANAX per il trattamento dei pazienti con disturbo da attacchi di panico sia quando si utilizza un qualsiasi farmaco psicotropo nel trattamento di pazienti depressi o di quelli in cui si sospetta ideazione o tentativo di suicidio.

Come con tutte le benzodiazepine, il rischio di dipendenza aumenta con la dose e la durata del trattamento. Determinati eventi avversi, alcuni dei quali possono mettere in pericolo la vita del paziente, sono una diretta conseguenza della dipendenza fisica da alprazolam.

Sono stati riportati anche casi di abuso. Alcuni pazienti hanno riscontrato una notevole difficoltà nel ridurre gradualmente e.

Il tendenza ad alcolismo di tecnica aumenta ulteriormente in pazienti con storia di abuso di tendenza ad alcolismo di tecnica e farmaci. I soggetti a rischio di assuefazione devono essere tenuti sotto stretto controllo durante il trattamento con alprazolam. Come per tutti tendenza ad alcolismo di tecnica ansiolitici, le prescrizioni ripetute devono essere limitate a quei soggetti che sono sotto il diretto controllo del medico Vedere paragrafo 4.

In seguito a rapida diminuzione o brusca interruzione della terapia con benzodiazepine incluso alprazolam, si sono verificati sintomi da astinenza. Inoltre, possono verificarsi crisi di astinenza in seguito a rapida diminuzione o interruzione brusca della terapia con alprazolam vedere paragrafo 4.

Insonnia o ansia di rimbalzo. Poiché il rischio di sintomi da astinenza o da rimbalzo è maggiore dopo la sospensione brusca del trattamento, si suggerisce di effettuare una diminuzione graduale del dosaggio. La durata del trattamento dovrebbe essere la più breve possibile. Quando si usano benzodiazepine con una lunga durata di azione è importante avvisare il paziente che è sconsigliabile il cambiamento improvviso con una benzodiazepina con una durata di azione breve, poiché possono presentarsi sintomi di astinenza.

Le benzodiazepine possono indurre amnesia anterograda. Quando si usano benzodiazepine è noto che possano accadere reazioni come irrequietezza, agitazione, irritabilità, aggressività, delirio, collera, incubi. Tali reazioni sono più frequenti nei bambini e negli anziani. Egualmente, una dose più bassa è suggerita per i pazienti con insufficienza respiratoria cronica a causa del rischio di depressione respiratoria.

Le benzodiazepine non sono consigliate per il trattamento primario della malattia psicotica. XANAX compresse a rilascio prolungato non dovrebbe essere usato nei pazienti con difficoltà psicomotorie; in pazienti affetti da depressione endogena, bipolare o con sintomi psicotici. Accessi epilettici. Si raccomanda che tutti i pazienti in terapia con alprazolam che necessitano di una riduzione del dosaggio diminuiscano progressivamente la posologia sotto stretto controllo medico. Stato epilettico.

Nella maggior parte dei casi si è manifestato un singolo episodio epilettico ; sono stati comunque evidenziati anche accessi epilettici multipli e male epilettico. Reazioni da sospensione possono manifestarsi tendenza ad alcolismo di tecnica ci sia una riduzione del dosaggio.

Per questo motivo, la dose di XANAX compresse a tendenza ad alcolismo di tecnica prolungato deve essere ridotta o sospesa gradualmente. Il disturbo da attacchi di panico è stato associato a disturbi depressivi maggiori primari e secondari e ad un aumento dei casi di suicidio tra i pazienti non trattati.

Come avviene per gli altri farmaci psicotropi nei pazienti gravemente depressi o in quelli in cui si possa supporre il rischio di ideazione suicida o di pianificazione di suicidio, nei pazienti con attacchi di panico si dovranno adottare le precauzioni standard nella somministrazione di dosi tendenza ad alcolismo di tecnica di alprazolam e nel numero di prescrizioni.

Alprazolam ha un debole effetto uricosurico. Sebbene sia stato evidenziato che altri farmaci con un effetto uricosurico debole causano insufficienza renale acuta, non sono stati segnalati casi di insufficienza renale acuta da attribuire alla terapia con alprazolam. Ketoconazolo e itraconazolo sono potenti inibitori del CYP3A che possono aumentare le concentrazioni plasmatiche di alprazolam.

Si sconsiglia la somministrazione concomitante di alprazolam e ketoconazolo, itraconazolo o altri antimicotici di tipo azolico vedere Paragrafo 4. I pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, da deficit di Lapp lattasi, o da malassorbimento di glucosio-galattosio, non devono assumere questo medicinale. Le benzodiazepine producono effetti depressivi additivi sul sistema nervoso centrale SNCcompresa la depressione respiratoria, quando somministrate in concomitanza con oppioidi, alcol o altri farmaci aventi azione depressiva sul SNC.

Particolare attenzione, specialmente nei pazienti anziani, deve essere usata con i farmaci ad azione deprimente respiratoria come gli oppioidi analgesici, sedativi della tosse, trattamenti sostitutivi. Molecole che inibiscono determinati enzimi epatici specialmente citocromo PA4 possono aumentare la concentrazione tendenza ad alcolismo di tecnica di alprazolam e potenziare la sua attività.

Interazioni farmacocinetiche possono verificarsi quando alprazolam viene somministrato insieme a farmaci che interferiscono con il suo metabolismo. La co-somministrazione di alprazolam con potenti inibitori del CYP3A4 come antifungini azolici ketoconazolo, itraconazolo, posaconazolo, voriconazoloinibitori della proteasi o di alcuni macrolidi eritromicina, claritromicina, telitromicina deve essere effettuata con cautela e deve essere presa in considerazione una riduzione sostanziale della dose.

I farmaci che inibiscono questo processo metabolico possono avere un effetto notevole sulla clearance di alprazolam. Di conseguenza, la. Alprazolam deve essere utilizzato con farmaci inibitori del CYP3A, dotati di una potenza inferiore ma sempre significativa, prestando attenzione e calcolando una opportuna riduzione del dosaggio. Pertanto i pazienti che ricevono alprazolam e digossina devono essere monitorati per verificare segni e sintomi relativi alla tossicità da digossina.

Agenti antimicotici azolici — ketoconazolo e itraconazolo sono potenti inibitori del CYP3A ed hanno mostrato in vivo la capacità di aumentare le concentrazioni di alprazolam rispettivamente di 3,98 volte e 2,70 volte. Si sconsiglia la somministrazione concomitante di alprazolam con questi due farmaci. Altri agenti antimicotici di tipo azolico devono essere considerati potenti inibitori del CYP3A e non è consigliata la loro somministrazione insieme ad alprazolam vedere paragrafo 4.

La somministrazione concomitante di diltiazem con alprazolam non è raccomandata. Induttori del CYP3A. Carbamazepina — La clearance orale di alprazolam assunto in dose singola di 0,8 mg. Le interazioni tra gli inibitori della proteasi HIV es. Basse dosi di ritonavir causano una riduzione della clearance di alprazolam, prolungano la sua emivita di eliminazione e aumentano gli effetti clinici.

Sebbene le interazioni tra benzodiazepine ed i test di laboratorio comunemente utilizzati siano state segnalate occasionalmente, non esistono riferimenti specifici per un determinato farmaco o per uno specifico test. I dati relativi alla teratogenicità e agli effetti sullo sviluppo postnatale e il comportamento a seguito del trattamento con benzodiazepine sono incoerenti. Studi successivi con farmaci della classe delle benzodiazepine invece non hanno fornito nessuna prova chiara di qualsiasi tipo di difetto.

Tuttavia, alcuni primi studi epidemiologici caso- controllo hanno evidenziato un aumentato rischio di schisi orale. La comparsa di sintomi di astinenza dopo la nascita dipende dal tempo di dimezzamento del prodotto. A causa di potenziali rischi di malformazioni congenite, già osservate tendenza ad alcolismo di tecnica altre benzodiazepine, non somministrare Tendenza ad alcolismo di tecnica compresse a rilascio prolungato nel primo trimestre di gravidanza.

Se il prodotto viene prescritto ad una donna in età fertile, sia se intende iniziare una gravidanzatendenza ad alcolismo di tecnica se sospetta di tendenza ad alcolismo di tecnica incinta, ella deve mettersi in contatto con il proprio medico per avere indicazioni relativamente alla sospensione del farmaco. Se viene somministrato XANAX durante la gravidanza o se la paziente scopre di essere incinta durante il trattamento con XANAX, la paziente deve essere informata circa il potenziale pericolo per il tendenza ad alcolismo di tecnica.

Poiché le benzodiazepine sono escrete nel latte materno, esse non dovrebbero essere somministrate tendenza ad alcolismo di tecnica madri che allattano al seno.

Le informazioni di seguito riportate sugli effetti indesiderati si basano sui dati aggregati provenienti da studi clinici verso placebo della durata di 5, 6 ed 8 settimane condotti con XANAX compresse a rilascio prolungato nel disturbo da attacchi tendenza ad alcolismo di tecnica panico. I pazienti con problemi di tendenza ad alcolismo di tecnica borderline, con una storia pregressa di comportamenti aggressivi o violenti, o che abusano di alcool o altre sostanze, possono essere a rischio di tali eventi.

Gli eventi segnalati includono: aumenti dei livelli degli enzimi epatici, epatite, insufficienza epatica, sindrome di Stevens-Johnson, iperprolattinemia, ginecomastia e galattorrea. Non è sempre facile distinguere tra nuovi segnali e sintomi da sospensione e la ricorrenza della malattia nei pazienti in fase di riduzione del dosaggio. Se necessario, il tendenza ad alcolismo di tecnica immediato dei sintomi da sospensione richiede la ripresa del trattamento a dosi di alprazolam sufficienti per eliminare i sintomi.

Manifestazioni da sovradosaggio di alprazolam includono sonnolenzadisartria, alterato coordinamento, coma e depressione respiratoria. Come per altre benzodiazepine, sono stati riscontrati casi di decesso in associazione al solo sovradosaggio di alprazolam. Inoltre, sono state segnalati decessi accidentali in pazienti che avevano assunto una dose eccessiva con una combinazione di una singola benzodiazepina, alprazolam incluso, ed alcol; i tassi alcolici evidenziati in alcuni di questi pazienti sono risultati più bassi di quelli generalmente associati a morte accidentale indotta da alcol.

Il trattamento nei casi di sovradosaggio è principalmente a sostegno delle funzioni respiratorie e cardiovascolari. Come in tutti i casi di sovradosaggio, la respirazione, la frequenza del polso e la pressione sanguigna devono essere monitorati. Si devono somministrare liquidi per via endovenosa e deve essere mantenuta la pervietà delle vie respiratorie. Come per il trattamento del sovradosaggio intenzionale con altri farmaci, è bene considerare che possono essere stati ingeriti agenti multipli.

Nei casi lievi, i sintomi includono: obnubilamento, confusione mentale e letargia. Nei casi più gravi i sintomi possono includere: atassia, ipotonia, ipotensione, depressione tendenza ad alcolismo di tecnica, raramente coma e molto raramente morte.

Copyright © All Rights Reserved. 2018
Proudly powered by WordPress | Theme: BetterHealth by CanyonThemes.