Risposte dellalcolismo di psichiatra

Mai più sole. Donne e Alcol.

Fare economie da alcolismo come

Dispensa di Psichiatria e Psicologia Clinica. T servizio tossicodipendenze. Sommario Istruzioni per luso Le dispense non rappresentano un libro di testo perfetto ma un aiuto, crediamo molto valido, per orientarsi nello studio della materia; Per la loro stessa natura le lezioni risposte dellalcolismo di psichiatra non sono scevre da errori sia di forma che di contenuto: per tanto vale il concetto aureo che per essere sicuri di un dato o di un concetto conviene cercare una rassicurazione su una fonte ufficiale; I professori, spesso, ritengono questi materiali risposte dellalcolismo di psichiatra passibili di ogni denigrazione e li sconsigliano categoricamente agli studenti.

Per questa dispensa di Psichiatria risposte dellalcolismo di psichiatra rende necessario un ringraziamento speciale al Dr. Botti A. In bocca al lupo a tutti per gli esami! Gruppo Sigfied 2. La psicopatologia si occupa quindi dei fenomeni morbosi non solo nella loro rilevazione e descrizione, ma anche nello studio dei modelli psiconeurobiologici che possono esserne alla base, e consente pertanto, da un lato, di edificare dei quadri sindromici, e dallaltro di cogliere ed analizzare questi stessi fenomeni indipen- dentemente dal quadro morboso a cui appartengono.

Le alterazioni dellintensit e della qualit delle percezioni; Le anomalie dei caratteri percettivi; La dissociazione delle percezioni; Il falsamento delle percezioni. Le anomalie dei caratteri percettivi includono invece risposte dellalcolismo di psichiatra modificazioni delle qualit accessorie che accompa- gnano i percetti, come sentimenti di familiarit o estraneit, sentimenti di realt o irrealt ed anche alterazioni dei sentimenti di piacevolezza o spiacevolezza.

La dissociazione delle percezioni, invece, consiste nellincapacit di fondere in un unico evento percezioni simultanee provenienti dallo stesso oggetto. Molto importanti sono anche i falsamenti delle percezioni, che includono le illusioni, le allucinazioni, le pseu- doallucinazioni e le allucinosi; le illusioni sono percezioni distorte della realt con caratteri non rispondenti alle sue reali propriet fisiche, e sono il prodotto inadeguato dellinterazione tra i dati sensoriali e psicologici soggettivi.

In generale, le illusioni hanno uno scarso rilievo clinico, ritrovandosi come risposte dellalcolismo di psichiatra accessori in di- versi quadri psicopatologici. Allucinazioni Visive; tipiche delle sindromi psichiatriche organiche e tossiche, come il delirium tremens, le psicosi organiche o le intossicazioni da droghe.

Allucinazioni Uditive; che possono consistere in allucinazioni parafasiche il paziente sente parole indistin- te o appena bisbigliateallucinazioni neologistiche in cui il paziente sente delle parole nuove o incompren- sibiliallucinazioni imperative, allucinazioni teleologiche, allucinazioni con voci dialoganti o allucinazioni con voci dialoganti.

In ogni caso, questo tipo di allucinazioni sono tipiche della parafrenia, delle psicosi deliranti, di quelle confusionali e della schizofrenia. Allucinazioni Olfattive e Gustative; sono solitamente a contenuto risposte dellalcolismo di psichiatra, si risposte dellalcolismo di psichiatra negli stati confu- sionali, ma pi raramente si riscontrano nella mania con esperienze erotiche e mistiche, nella melanconia e nelle psicosi croniche, sebbene possano contrassegnare anche le crisi comiziali connesse a focalit temporale le cosiddette crisi del giro uncinato.

Allucinazioni Somatiche; sono turbe della percezione somato-estesica, sono quindi difficilmente classi- ficabili in quanto la percezione del corpo un fenomeno estremamente complesso, sia per lassenza di un organo ben definito della sensibilit corporea, sia perch il corpo contemporaneamente soggetto risposte dellalcolismo di psichiatra oggetto del fenomeno percettivo.

Allinterno di questo gruppo troviamo le allucinazioni cenestesiche, le allucinazioni tattili-termiche e le allucinazioni chinestesiche-motrici: le allucinazioni cenestesiche sono delle percezioni abnormi di tutto il corpo o risposte dellalcolismo di psichiatra parti di esso, risposte dellalcolismo di psichiatra si possono manifestare come supposte aggressioni corporali allucinatorie, e possono anche spingere il soggetto ad adottare mezzi di protezione di varia natura, essendo comuni nella schizofrenia, nelle gravi forme depressive e nelle psicosi organiche.

Le allucinazioni tattili consistono invece in percezioni di formicolio sulla pelle, mentre quelle risposte dellalcolismo di psichiatra si manifestano con folate di vento caldo o freddo, nonch bruciature, sebbene esistano anche forme pi specifiche, le alluci- nazioni idriche sensazione di bagnato o aptiche sensazioni di scosse elettriche. Infine, le allucinazioni chinestesiche-motrici si caratterizzano per il fatto che il soggetto avverte un senso di movimento nonostan- te sia completamente immobile, oppure percepisce delle contrazioni muscolari senza spostamento reale, oppure risposte dellalcolismo di psichiatra sentirsi costretto a compiere azioni o sente uninibizione che gli impedisce di muoversi.

Le pseudoallucinazioni, invece, sono fenomeni che, pur essendo dotati di tutti i caratteri delle allucinazio- ni, non vengono obietti vati nel mondo esterno ma appaiono nello spazio interno soggettivo: il paziente li vive come fenomeni psichici che, per quanto strani ed inspiegabili, non hanno alcun rapporto con la realt esterna; queste pseudoallucinazioni sono essenzialmente uditive, ma possono anche essere visive, e sono spesso vissuti come estranei ed imposti, essendo tipici della schizofrenia.

Le allucinosi, infine, sono fenomeni allucinatori visivi o uditivi dotati di notevole estesia sensoriale, talora a carattere scenico e colorito, proiettato nello spazio oggettivo esterno ma che non viene vissuto dal soggetto in termini di uno stimolo reale essendo riconosciuto come fenomeno patologico.

Si risposte dellalcolismo di psichiatra pi frequentemen- te nella patologia organica cerebrale, dovuta a lesioni temporali ed occipitali, o su base tossica. Particolare rilievo va prestata alla cosiddetta allucinosi alcolica, un termine in realt improprio, che si riferisce ad una sindrome allucinatoria che insorge in alcolisti cronici, caratterizzata da risposte dellalcolismo di psichiatra, prevalentemente o esclusivamente uditive, a contenuto spiacevole voci che parlano tra loro di lui, lo insultano o lo minaccianovissute in una condizione di lucidit e di coscienza, a cui si correlano deliri a contenuto persecutorio o di colpa.

I disturbi dellattenzione includono lipoprosessia detta anche semplicemente distrazionecio una di- minuzione delle capacit attentive che si osserva in tutte quelle condizioni che sono associate ad una dimi- nuzione del livello di vigilanza, come la sonnolenza, lebbrezza o le psicosi tossiche, ma sono alterate anche negli stati melanconici e nelle insufficienze mentali.

Altre alterazioni dellattenzione sono anche laprosessia, cio la totale mancanza di attenzione, che tipica degli stati confusionali, e liperprosessia, in cui invece si osserva un aumento dellattenzione, che si rileva nelle intossicazioni da allucinogeni, nelle nevrosi fobiche e nelle psicosi deliranti.

Dispensa di Psichiatria e Risposte dellalcolismo di psichiatra Clinica Indipendentemente dal significato, la memoria la capacit di riprodurre unesperienza passata, di ricono- scerla e localizzarla nel tempo e nello spazio. Nella memoria si distinguono due momenti fondamentali, cio la fissazione, che consente di registrare i contenuti di coscienza, di conservare di essi tracce stabili engrammi mnesicimentre la seconda fase la rievocazione, che permette di ricondurre alla coscienza determinati con- tenuti.

Nella memoria, inoltre, si possono distinguere due tipi principali, risposte dellalcolismo di psichiatra la risposte dellalcolismo di psichiatra a breve termine, durante la quale si formano delle tracce mnesiche, ma non il loro consolidamento, e la memoria a lungo termine, in cui risposte dellalcolismo di psichiatra tracce si consolidano cos da poter perdurare nel tempo.

I disturbi quantitativi della memoria sono essenzialmente lipermnesia, lamnesia retrograda o anterograda e la confabulazione creazione di falsi ricordi a riempimento di lacune mnesiche del passato. Questa neopro- duzione, accurata e fantasiosa, attinge a diversi frammenti mnemonici dellesperienza passata e agli stimoli dellambiente. Le confabulazioni sono tipiche della sindrome di Korsakoff, della demenza e delle sindromi post-traumatiche.

Tutti questi disturbi sono di tipo quantitativo, mentre i disturbi qualitativi della memoria sono le allomnesie illusioni della memoria e le pseudomnesie allucinazioni della memoriache includono i falsi riconoscimenti ed i falsi ricordi. Lidea un modello generale di un oggetto che non si riferisce ad un oggetto in particolare.

Il giudizio di realt si fonda, oltre che sul confronto e lintegrazione dei dati forniti dallesperienza, sui rapporti di causalit empirica esistenti tra singoli dati e su una rete di valori e significati codificati dal sistema sociale e culturale. Il pensiero non si sviluppa soltanto secondo la logica, ma anche in armonia a fattori soggettivi, sia di ordine pratico che affettivo.

LAccelerazione Ideica, cio unaccelerazione del pensiero caratterizzata da eloquio scorrevole, abbondante e irrefrenabile logorreagiochi di parole e battute di spirito. Nel suo grado estremo si ha la cosiddetta fuga delle idee, coi contenuti ideativi che si succedono con straordinaria celerit, associati tra loro in modo superficiale. Laccelerazione ideica di grado modesto si trova in condizioni di ebbrezza e sotto leffetto di psicostimolanti.

In ogni risposte dellalcolismo di psichiatra, la fuga delle idee e la logorrea sono tipiche delleccitamento maniacale. Il Rallentamento del Pensiero, in cui i contenuti ideativi risposte dellalcolismo di psichiatra scarsi e poveri, lassociazione lenta, lelabo- razione stentata e lespressione difficoltosa. Il paziente riferisce spesso la sensazione di ristagno del pensiero, che fissato su pochi temi ed incapace di concretizzarsi in un prodotto finale. Il rallentamento del pensie- ro si associa risposte dellalcolismo di psichiatra uninerzia dellattivit motoria e dellespressivit mimica.

Nei casi pi gravi si pu arrivare ad uninibizione completa che prende il nome di arresto psicomotorio, ed tipico delle forme pi avanzate di disturbo depressivo. La Prolissit, cio il pensiero che raggiunge la sua meta soltanto in modo indiretto, attraverso linterferenza di idee secondarie che ne pregiudicano il decorso.

La Circostanzialit, che si esprime con eloquio pedante e barocco, ricco di dettagli irrilevanti sviluppati in modo abnorme, quasi venisse meno la capacit di distinguere lessenziale dal marginale. La Perseverazione, cio una persistenza nella coscienza di pensieri ripetuti in modo continuativo ed acritico, che non vengono rimossi da nuovi stimoli ed esperienze.

Il Pensiero Dissociato, cio un pensiero frammentario, privo di logicit, bizzarro e sconclusionato, in cui vengono meno i comuni caratteri associativi fra le singole idee, ed tipico delle psicosi schizofreniche.

Si caratterizza per fenomeni di fusione delle idee, iperinclusioni, digressioni o deragliamenti del pensiero ed intoppi del pensiero.

Il Pensiero Incoerente, in cui lalterazione dellideazione ricondotta ad una modificazione dello sta- to di coscienza con abbassamento dello stato di vigilanza e labilit dellattenzione, tipico delle psicosi confusionali organiche.

Il Pensiero Anancastico, che risposte dellalcolismo di psichiatra pensiero, una rappresentazione ossessione o una spinta impellente allazione compulsione non intenzionale e irrazionale, suscettibile alla critica da parte del paziente, che non riesce a liberarsene e lo vive con sensazione di fastidio ed angoscia. I contenuti di coscienza sono riconosciuti dallindividuo come propri, ma considerati inaccettabili e rifiutati, perch vissuti come estranei allIo, che ne viene ostacolato nella sua libera espressione, e contro a questi disturbi si mette in moto uno psichismo di difesa, il paziente cerca di respingerli e di resistere loro.

Le ossessioni e le compulsioni sul piano comportamentale si traducono in atti compulsivi con significato di controllo e di difesa magica nei confronti del pensiero parassita.

I disturbi del contenuto del pensiero, invece, comprendono le idee prevalenti e i deliri: le idee prevalenti, sono idee o complessi di idee affini nel contenuto, sorrette da un fondo affettivo molto intenso, che predo- minano su ogni altro pensiero, costituendo una caratteristica temporanea o permanente della personalit del soggetto di cui ne ispirano la condotta. Si elaborano in genere su eventi possibili o reali sono comprensibili nella loro motivazione affettiva e sono ancora accessibili alla critica, avendo un contenuto connesso alla realt oggettiva con corretti rapporti di causalit logica.

Il delirio, invece, per Jaspers, un giudizio patologicamente falsato, che si caratterizza per lassoluta risposte dellalcolismo di psichiatra soggettiva, una convinzione incorreggibile e lassurdit del contenuto. Il delirio, quindi, unidea o un sistema di idee, caratterizzate da modalit genetiche e formali assolutamente peculiari, estranee quindi nelle premesse e nelle conclusioni al mondo comune e sostenute da risposte dellalcolismo di psichiatra convincimento acritico; come evidenziato da Schneider, ci che caratterizza il delirio, tuttavia, non tanto il contenuto, quanto il modo in cui il contenuto percepito e la forma con cui si esprime.

Nel delirio, il soggetto vive in una modalit esperienziale caratterizzata dal venir meno di quella trama di rapporti col mondo, che rende questultimo comune e comunicabile, condivisibile e quindi vivibile.

I significati delle cose sono comuni solo risposte dellalcolismo di psichiatra assumono un valore, che trascendendo lespe- risposte dellalcolismo di psichiatra del singolo, li rende quindi comunicabili.

Il delirio pu essere distinto in delirio lucido, quando vissuto con uno stato di coscienza vigile, e deli- rio confuso quando invece lo stato di coscienza alterato deliri febbrili, tossici e dismetabolici ; il delirio pu anche essere sistematizzato, quando ha una buona organizzazione interna, con articolazione coerente tra i diversi contenuti, oppure non sistematizzato, quando invece frammentario, costituito da idee isolate, semplici ed incostanti, non correlate tra loro.

In virt dei loro caratteri genetici e formali, i deliri sono suddivisi in:. I deliri primari sono indipendenti da qualsiasi esperienza psichica, si presentano come fenomeni primari inderivabili, psicologicamente indeducibili e quindi incomprensibili. Si deve per tenere a mente che incompren- sibile non il contenuto del delirio, ma il modo in cui tale convinzione si instaura che appare non intuibile, che sfugge alla capacit di immedesimazione e comprensione.

Si tratta di eventi che esulano da qualsiasi linea di causalit psicologica, ed i deliri primari sono spesso preceduti o accompagnati nel loro formarsi da uno stato danimo pre-delirante, detto anche fase di Wahnstimmung, in cui si osserva una modificazione della coscienza dellIo e del sentimento di giudizio di realt, che sono alla base risposte dellalcolismo di psichiatra sicurezza soggettiva ed intersoggettiva dellIo. Si tratta di una esperienza indescrivibile ed incomunicabile, dove la perplessit, la preoccupazione e talora il terrore dominano il soggetto che avverte il dissolversi dei comuni punti di riferimento che lo legavano al mondo.

Le manifestazioni pi frequenti ed importanti nella struttura del delirio primario sono le seguenti:. Percezione Delirante, cio una percezione di per s corretta alla quale viene attribuito un valore semantico abnorme nel senso dellautoriferimento.

Le successive elaborazioni comprensibili risposte dellalcolismo di psichiatra base psicogenetica, che si sviluppano a partire dalla percezione delirante, prendono il nome di interpretazioni deliranti. Intuizione Delirante, cio una convinzione che insorge improvvisamente e con assoluta certezza soggetti- va.

Rappresentazione Delirante, ovvero una rappresentazione o unimmagine mnesica che come la percezione delirante viene investita di un significato abnorme. I deliri secondari, o deliroidi, sono derivabili psicologicamente da un dato psicologico abnorme, e conse- guono ad unalterazione dellaffettivit, sviluppandosi in personalit psicopatiche come risposta ad eventi trauma- tici particolarmente intensi, situazioni ambientali o fenomeni psicosensoriali abnormi.

In base alle caratteristiche del contenuto deliranti, si possono poi identificare diversi tipi di delirio:. Delirio di Persecuzione, pressoch ubiquitario nella patologia psichiatrica, potendosi manifestare in tutte le psicosi, e allinterno di questo tipo possiamo identificare anche alcune sottoforme, come il delirio di riferimento, in cui il soggetto vive le situazioni e gli avvenimenti come riferiti in modo specifico a lui, il delirio di nocumento, in cui tutte le persone osteggiano il paziente con modalit che nemmeno lui sa precisare bene, ed il delirio di persecuzione propriamente detto, in cui il soggetto crede di essere perseguitato in maniera pi o meno manifesta da chi gli sta attorno.

Delirio di Trasformazione, che comprende il delirio di trasformazione risposte dellalcolismo di psichiatra, quello palignostico, quello metempsicotico, il delirio zooantropico e quello ipocondriaco.

Delirio Mistico, in cui il paziente sperimenta contatti con Dio o si identifica con una divinit. Delirio Depressivo, che comprende tematiche connesse allemergenza delle angosce esistenziali primor- diali, e al cui interno troviamo i deliri di colpa, di rovina e di ipocondria, che possono associarsi tra loro dando il cosiddetto delirio nichilistico o la sindrome di Cotard.

Delirio di Grandezza, che pu manifestarsi in forme relativamente modeste, con ipervalutazione delle proprie capacit fisiche e psichiche, mantenendo un certo rapporto con la realt ed articolandosi nellambito del possibile, come nel caso del delirio ambizioso o del delirio erotomanico, oppure si possono avere forme estreme, con un paziente che completamente disancorato dal reale, dominato dalla fantasticheria, con un massimo grado di egocentrismo ed autoesaltazione, come nel caso del delirio megalomanico, del delirio di potenza, quello genealogico, quello inventario ed il delirio di enormit, essendo peraltro comune nella mania delirante, nei disturbi deliranti cronici e nelle psico-organiche.

Delirio di Gelosia, in cui si ha lassoluta convinzione di essere traditi dal proprio partner. Il paziente cerca quindi in tutti i modi di trovare le prove dellinganno sino ad arrivare a cercare di estorcere la confessione dellinfedelt con la violenza.

La psicopatologia dellintelligenza si occupa principalmente di una diminuzione quantitativa dellintelligenza stessa, in particolare le sindromi da deficit dellintelligenza sono condizioni caratterizzate da un disturbo primario dellintelligenza dovuto ad unaltera- zione organica cerebrale, sia essa congenita, ereditaria o acquisita.

In questi casi il termine primario nella distinzione tra le sindromi deficitarie propriamente dette ed i disturbi che accompagnano gli stati confusionali o determinate condizioni psicopatologiche di tipo funzionale, come gli stati depressivi. Le oligofrenie, o insufficienze mentali, sono sindromi caratterizzate da un deficit stabile dellintelligenza, di- pendente da un mancato sviluppo delle capacit intellettive per cause organiche che abbiano agito in epoca prenatale, perinatale o postnatale, comunque in unet risposte dellalcolismo di psichiatra vita in cui la maturazione cerebrale ed il corri- spondente sviluppo psichico sono ancora in evoluzione.

Le demenze, invece, sono sindromi caratterizzate da risposte dellalcolismo di psichiatra disturbo, globale e progressivo, dellintelligenza, che insorgono quando le capacit intellettive dellindividuo si sono ormai completamente sviluppate, cio in et adul- ta. In altre parole, la condizione demenziale esprime un deficit da regressione o decadimento di funzioni intellettive in precedenza integre, e tale deficit sempre riferibile a cause organiche. Emozioni, cio stati affettivi quasi sempre reattivi e molto intensi, ad insorgenza acuta e rapido esaurimen- to, oltre ad influenzare i processi psichici ed il comportamento, si esprimono sul versante neurovegetativo con rossore o pallore del volto, tremore, tachicardia ed altri.

Sentimenti, che esprimono la particolare risonanza affettiva con la quale lindividuo vive la realt corporea, i suoi processi psicologici, la sua socialit ed sono piuttosto persistenti. Umore, la tonalit, il colorito affettivo vitale che condiziona permanentemente in un modo o in un altro la nostra esistenza. Umore Depressivo o Depressione: Consiste in un abbassamento del tono dellumore che si manifesta con sentimenti di tristezza, abbattimento, pessimismo e dolore. Nelle forme pi gravi tutta la corporeit investita e la vitalit compromessa, con un senso di oppressione, malessere, estrema faticabilit, con un vissuto di disperazione e di sofferenza morale.

Lideazione rallentata e povera di contenuto, i movimenti volontari sono sempre pi lenti, ed ovviamente una forma tipica degli stati depressivi. Stato Ipertimico: Si tratta di un innalzamento del tono dellumore che pu andare da semplice euforia ad intensa esaltazione. Nelleuforia lumore gioioso, i sentimenti ed i pensieri hanno una tonalit piacevole, il corpo vissuto con un senso soggettivo di benessere. Nella mania c accelerazione ideica, logorrea, eccitazione psicomotoria, risposte dellalcolismo di psichiatra i sentimenti vitali sono esaltati, non esistono coercizioni, tutto possibile.

Nelle forme pi accentuate si pu arrivare a gravi accessi dira con crisi di risposte dellalcolismo di psichiatra pantoclastico. Umore Irritabile: Condizione di abnorme risonanza affettiva a stimoli e situazioni di scarsa entit, con abbassamento della soglia emotiva, che si esprime con condizioni di stizza, rabbia o ira, associandosi spesso anche a fenomeni neurovegetativi.

Lumore irritabile si ritrova nelle fasi iniziali della schizofrenia, nella mania, negli psicopatici instabili ed impulsivi, nelloligofrenia e nelle psicosi organiche, dove espressione del deficit intellettivo. Labilit Affettiva: Marcata instabilit del tono dellumore che passa in risposte dellalcolismo di psichiatra improvviso dalla gioia alla tristezza o allo stato basale, in risposta a stimoli del tutto inadeguati, anche pi risposte dellalcolismo di psichiatra nel corso della stessa giornata, manifestandosi con crisi di riso o pianto.

Copyright © All Rights Reserved. 2018
Proudly powered by WordPress | Theme: BetterHealth by CanyonThemes.