Cura di alcolismo in Tula anonimamente

ALCOLISTI ANONIMI: Testimonianza del sig. Filippo.

Indirizzo di clinica di cura di alcolismo

Un codice etico di cura di alcolismo in Tula anonimamente fondamentale che ha radici profonde e un antenato celebre la Dichiarazione dei diritti dell uomo e del cittadino redatta neldurante la Rivoluzione Francesenel quale per la prima volta sono stati universalmente sanciti i diritti che spettano all essere umano.

Il Consiglio Comunale ha voluto celebrare l anniversario ricordando che ogni cittadino è chiamato a mettere in pratica nel quotidiano l ideale espresso nella Dichiarazione, facendo installare nella Sala del Consiglio un pannello che riporta il testo del 1 articolo: Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti.

Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza. Ma il celebra anche il sessantesimo compleanno della Costituzione Italiana, che abbiamo ricordato con numerose iniziative nel corso dell anno: l ultima ha portato alla collocazione, sempre nella Sala consigliare, dei primi dodici e fondamentali articoli della Carta costituzionale, nei quali si riassumono tra l altro le espressioni della democrazia e della sovranità popolare art.

L operazione ha una spiegazione semplice ma profonda: la traduzione pratica di questi principi è un compito di tutti, e come cittadini eletti da altri cittadini per rappresentarli, i consiglieri comunali sono i primi a doversene fare carico. Averli bene in vista aiuta a non dimenticarlo. Passando poi da principi fondamentali a cose di interesse locale, focalizzo l attenzione su un ordinanza che ho adottato a inizio settembre e che è stata ampiamente pubblicizzata dalla stampa: l ordinanza anti-prostituzione.

Intervista ai consiglieri cura di alcolismo in Tula anonimamente più giovani Ombretta Buonanno di Rezzato Democratica e Diego Azzaro di Liberinsieme Ombretta Buonanno Come sei giunta all impegno politico, quali motivazioni ti hanno portato ad accettare l incarico di consigliere?

Potrei dire che il mio impegno di consigliere comunale sia arrivato quasi per caso. Ho sempre avuto una chiara idea della mia ideologia politica, ma non nascondo di non essermi mai interessata in modo attivo e approfondito a questo mondo. Mi venne proposto di candidarmi nel corso delle ultime elezioni comunali e confesso che mai avrei immaginato di essere eletta. Decisi di accettare l incarico e viverlo come un esperienza nuova, costruttiva, dalla quale avrei potuto sicuramente apprendere tanto, confrontarmi in modo diretto con una realtà importante come l amministrazione di un comune, uscirne arricchita a livello umano e come cittadina appartenente a questa comunità.

Quali aspetti della vita amministrativa hai potuto seguire in particolare nel tuo incarico di consigliere? Quali impressioni positive o negative ne hai ricavato? In questi anni sono stata cura di alcolismo in Tula anonimamente di alcune commissioni consiliari e ho avuto cura di alcolismo in Tula anonimamente di partecipare a numerose sedute; devo confessare che tale partecipazione non è servita per approfondire in modo specifico un determinato settore, ma è servita più per avere una Festa degli aquiloni Festa degli aquiloni in località Razzica Rezzato domenica 5 ottobrenell'ambito della Settimana della pace.

Migliaia di persone hanno preso d'assalto i prati posti a fianco della cascina Razzica per l'ormai classico appuntamento con la Festa degli aquiloni. One sky, one world, ossia Un solo cielo e un solo mondo. La manifestazione, giunta alla quinta edizione, era come sempre organizzata dal Gruppo aquilonisti bresciani con sede a Botticino e presieduta da Salvatore Leonardi.

Oltre che a far volare gli aquiloni, la festa è servita per aiutare varie associazioni che si occupano di volontariato come Parada Italia, Ail, Emergency e Sin Fronteras. All impegno politico, sono arrivato tramite un gruppo di amici e persone che conoscevo, le quali mi hanno chiesto la disponibilità di accettare cura di alcolismo in Tula anonimamente ingresso nella vita sociale del Comune; da subito non ho avuto esitazione, poiché essendo molto legato al mio paese, pensavo fosse utile poter mettere a disposizione del tempo per il bene di tutti i cittadini.

L aspetto della vita amministrativa che ho seguito durante il mio incarico, è stato quello dell edilizia, dell urbanistica e delle cave. Questi sono gli ambiti in cui potevo dare maggiormente il mio apporto considerato che lavoro proprio nel campo dell edilizia. Quindi ho potuto vedere più facilmente i problemi e vedere le possibili soluzioni quando si visionavano Piani di Recupero, pareri preventivi ecc.

Gli aspetti positivi, sono stati il fatto di poter dare spunti e cercare soluzioni migliorative anche se quest ultimo punto per alcuni è opinabile ai vari progetti che mano mano venivano esaminati.

E che si è rivelato per il momento assolutamente efficace, con la riduzione del fenomeno ai minimi termini sulle nostre strade. Ritengo tuttavia doveroso precisare come l Amministrazione Comunale non abbia voluto e non voglia con questo sostituirsi al legislatore né tantomeno ergersi a giudice o censore, ben consapevole da un lato che provvedimenti come questi colpiscono gli anelli deboli di un fenomeno vastissimo, e dall altro che interventi puntuali non fanno altro che spostare il problema di qualche chilometro o trasferirlo dalla strada agli appartamenti.

Abbiamo comunque voluto lanciare un segnale, ma la soluzione definitiva o quantomeno una regolamentazione del fenomeno, spetta al parlamento, unico organo legittimato a legiferare. Da qualche mese è ormai cura di alcolismo in Tula anonimamente come l economia italiana e quella mondiale stiano vivendo una crisi epocale.

Crisi rispetto alla quale si registrano pareri e interpretazioni diverse, ma della quale al momento non si intravede la fine. Anche i Comuni stanno subendo drasticamente gli effetti della recessione: meno trasferimenti da Stato e Regioni, meno introiti diretti di fatto la principale fonte di approvvigionamento per l ente comunale è l ICI e la conseguente necessità di ridurre al minimo gli investimenti pur di non toccare servizi e tariffe.

Pure a Rezzato, si registra naturalmente una forte contrazione del mercato immobiliare e della produzione industriale, mentre sembra reagire tutto sommato bene e con fiducia nel futuro il settore cura di alcolismo in Tula anonimamente piccolo e medio commercio, dove, a fronte di alcune chiusure di esercizi, si registrano altrettante nuove aperture.

Ora si avvicina Natale e, parlando di segni esteriori, anche le consuete luminarie hanno dovuto essere necessariamente ridimensionate, in qualità e quantità. E tuttavia si è deciso di mantenerle: come piccolo segnale di speranza, come aspirazione di luce in un periodo oggettivamente buio.

In un periodo di riflessione e riposo per tutti l augurio per questo Natale è permeato di una vena di tristezza per la scomparsa improvvisa dell amico concittadino Gino Filippini. Padre Zanotelli salutandolo l ha definito il più grande volontario italiano dei nostri tempi per lo stile di condivisione vissuta nei 40 anni di servizio presso le comunità più povere dell Africa. Gino ci lascia un esempio di impegno civile cura di alcolismo in Tula anonimamente un eredità solidale da assumere responsabilmente.

Sia questo l augurio più autentico per il nostro Natale. Buon Natale e buon anno nuovo. Enrico Danesi panoramica generale sul funzionamento di questi ambiti amministrativi. Nel mio immaginario di giovane consigliere comunale, totalmente inesperto, mi aspettavo una collaborazione e una partecipazione più concreta e pratica al lavoro amministrativo, di certo non in tutti gli ambiti, vista la competenza tecnica richiesta in alcuni settori, ma vista la cura di alcolismo in Tula anonimamente formazione universitaria, mi sarebbe piaciuto compiere un percorso cura di alcolismo in Tula anonimamente completo, di crescita nel settore più vicino alla mia persona, quello della cultura e dell istruzione.

Quali interventi ritieni sarebbero utili per favorire a livello comunale la partecipazione giovanile? Credo che più che interventi di carattere concreto bisogna continuare ad insistere sulla reale partecipazione dei giovani alla vita comunale. Sicuramente far funzionare la macchina amministrativa è un lavoro arduo e impegnativo, ma dobbiamo anche mettere in conto che nessuno è eterno e i giovani di oggi saranno gli amministratori del domani.

Credo che i giovani dovrebbero essere responsabilizzati gradualmente, aiutati a crescere e guidati da chi ha avuto modo di acquisire una maturità e un esperienza consolidata sul campo, nel corso degli cura di alcolismo in Tula anonimamente in cui ha prestato la propria opera al funzionamento della struttura amministrativa.

Quale messaggio vuole rivolgere ai cittadini rezzatesi ed in particolare ai giovani? Credo che ogni esperienza con i suoi pro e i suoi contro sia sempre in grado di arricchire un individuo ed è per questo che il mio invito rivolto a tutti i cittadini di Rezzato, è quello di partecipare ed informarsi sulla vita amministrativa del proprio Paese. Troppo spesso risulta semplice lamentarsi dal di fuori sul perché di una scelta piuttosto che un altra, su un servizio piuttosto che un altro; la partecipazione e l informazione rendono consapevoli, chiariscono meccanismi e realtà che risultano di difficile comprensione a chi non vive in prima persona le problematiche dell amministrazione di una comunità.

Informarsi e documentarsi è fondamentale, aiuta a crescere e a sviluppare il senso civico che dovrebbe appartenere ad ogni membro di una comunità, aiuta a preparare le generazioni future e a porre un ulteriore mattone nella creazione di una realtà migliore, vissuta in prima persona, non da spettatore passivo, ma da cittadino consapevole e protagonista della vita di tutti i giorni. Progetti a sostegno delle famiglie Cura di alcolismo in Tula anonimamente Azienda speciale consortile per i servizi alla persona dell'ambito distrettuale n.

Il secondo progetto è rivolto al sostegno delle famiglie con cura di alcolismo in Tula anonimamente di figli pari o superiore a 4, che hanno un reddito ISEE inferiore aLe informazioni rispetto ai bandi sono pubblicate nel sito comunale oppure possono essere richieste alla Azienda Speciale Consortile tel o all'assistente Sociale del Comune.

La Settimana della pace ottobre Casa Almici, 3 ottobre il coro giapponese Choral Cover posa davanti all Albero della Pace con alcuni ospiti e volontari cura di alcolismo in Tula anonimamente Casa Almici. Com è consuetudine per il nostro Comune, la prima settimana di ottobre ha visto alcune iniziative importanti sui temi della pace e del dialogo fra i popoli.

Il 2 ottobre presso il teatro CTM la proiezione del film Rapsodia in agosto del regista giapponese Kurosawa, dedicato alla rilettura delle conseguenze lasciate sulla popolazione dalle bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki; ha introdotto la serata il sindaco Danesi in veste di critico cinematografico. Il 3 ottobre il comune ha ospitato il Coro giapponese di voci fatto che ormai vengono sacrificate sempre più aree a verde, mi auguro che il prossimo PGT Piano di governo del territorio, ne tenga conto attuando il cosiddetto Sviluppo sostenibile.

Ma con i tempi che corrono è sempre più difficile avvicinare la gente alla politica, mi viene in mente ad esempio di attivare un canale in internet, dove i giovani possono rivolgere le domande ai vari assessori, ed avere risposte in tempo reale, o segnalare problemi, e perchè no proporre iniziative ecc Quale messaggio vuoi rivolgere ai cittadini rezzatesi e in particolare ai giovani?

Ai giovani rezzatesi, dico che l impegno sociale per il proprio paese, è segno di appartenenza al proprio territorio, e che il futuro dobbiamo costruirlo noi, le nuove generazioni, ed il ruolo del consigliere è prima di tutto un impegno civico perchè prima della politica viene il paese. In serata cura di alcolismo in Tula anonimamente interculturale con l esibizione della formazione giapponese diretta dal Maestro Oiwa Azzurro e di Suonidincanto, il coro dell Accademia di Canto Rezzatese diretto dalla Maestra Cura di alcolismo in Tula anonimamente Lucchese con il Maestro Diego Gordi al pianoforte e il maestro Paolo Cavagnini alla chitarra.

Il 4 ottobre proiezione del film Parada di Pontecorvo dedicato all esperienza di riscatto dei ragazzi di strada di Bucarest che grazie all impegno dell artista Miloud che cura di alcolismo in Tula anonimamente in sala ha donato al folto pubblico una forte testimonianza si sono organizzati in un associazione capace di offrire loro un futuro più umano. Domenica 5 ottobre in località Razzica il Gruppo Aquilonisti Bresciani ha proposto una splendida manifestazione con un ottima partecipazione dedicata agli amanti del volo e degli aquiloni.

Archivio fotografico comunale. Italcementi I passi dell Amministrazione comunale. Alcune domande all assessore all Ambiente Marco Apostoli Perché il Comune si è interessato in questi anni alla situazione della cementeria Italcementi? Il Comune di Rezzato, insieme a quello di Mazzano, è stato chiamato in causa nell estate del per esprimere il proprio parere su una richiesta di V. A Valutazione di Impatto Ambientale inoltrata da Italcementi alla Regione Lombardia, finalizzata ad un ampliamento dell attuale impianto e a un aumento della produzione di cemento grigio.

Prima cura di alcolismo in Tula anonimamente rispondere a questa richiesta i due Comuni hanno ritenuto necessario procedere ad una rigorosa e scientifica analisi delle condizioni ambientali in cui vivono le popolazioni di Mazzano e Cura di alcolismo in Tula anonimamente per capire quanto realmente sia l apporto della cementeria all inquinamento del territorio locale.

Quali indagini sono state effettuate, da chi e con quali modalità? Il progetto di indagine sulla qualità complessiva dell ambiente dei territori di Mazzano e Rezzato, in un primo tempo richiesto alla stessa Italcementi ma poi assunto in carico interamente dalle due Amministrazioni Comunali con un impegno economico di circa euro per ciascuna si è articolato in 3 distinte fasi: a una indagine sulla qualità dell aria condotta da Consulenze Ambientali attraverso due campagne di rilevamento nel settembre e nel gennaio tramite il collocamento di centraline mobili sull area territoriale dei due Comuni.

Questo ci ha permesso di ottenere una mappatura degli inquinanti e delle ricadute sulle varie parti del territorio comunale con la ricerca delle possibili fonti emissive: traffico, aziende, cave, etc. Fanelli del dipartimento Ambiente e Salute Unità per la valutazione del rischio degli inquinanti ambientali dell Istituto Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano.

L individuazione e l incarico agli esperti ambientali, Dr. Fanelli e Dr. Crosignani coordinati dall Ing. Carrara, è avvenuta dopo un confronto con i Comitati Ambientalisti locali che li hanno cura di alcolismo in Tula anonimamente alle due Amministrazioni come autorevoli e di riconosciuta professionalità. Quali sono stati in sintesi gli esiti delle indagini, a cosa sono servite? I risultati conseguiti dal processo di indagine hanno consentito: a di avere dati certi sulla situazione ambientale del nostro contesto, sicuramente compromessa soprattutto per quanto riguarda l inquinamento da ossido di azoto, di zolfo e ozono, oltre che da polveri sottili.

Va comunque ricordato che il nostro territo- rio è sito all interno della Pianura Padana riconosciuta a livello mondiale come uno dei 5 siti più inquinati al mondo; b hanno inoltre stabilito che, mentre per le polveri sottili la produzione della cementeria concorre insieme ad altre concause in primo luogo il traffico stradale, per l inquinamento da ossidi di azoto, ossidi di zolfo e ozono, Italcementi ne è il maggiore responsabile, in quanto questi sono inquinanti che derivano dal ciclo di lavorazione e produzione del cemento stesso; c hanno quindi portato le due Amministrazioni Comunali a chiedere a Italcement,i che per la salvaguardia della salute dei cittadini, realizzi un drastico abbattimento in tempi brevi delle emissioni di inquinanti nell aria.

La Regione Lombardia, deputata a decidere sull ampliamento, cosa dice? La Regione, attraverso il suo assessore all Ambiente, ha sollecitato comuni e Azienda a sedersi attorno ad un tavolo e provare a trovare un accordo. Ed è per questo che i comuni di Rezzato e Mazzano da una parte e Italcementi dall altra, stanno verificando questa possibilità.

Perché non è possibile mantenere l attuale impianto della cementeria? Qual è l alternativa reale? Le tecnologie oggi adottate nell impianto esistente non consentono di abbattere in modo significativo questi inquinanti: dobbiamo ricordare che questo impianto è stato costruito negli anni 60 e non è adeguato per un rinnovamento tecnologico con l applicazione delle cosiddette B.

Migliori tecnologie Esistenti. Per raggiungere l obiettivo di riduzione delle emissioni, bisogna mettere mano a tutta la struttura e non solo al forno del cemento grigio, come proposto da Italcementi nella richiesta depositata in regione.

Con l applicazione della tecnologia S. Tutto dovrà essere realizzato nell arco di 10 anni, che è il tempo tecnico necessario per costruire tutti i nuovi impianti.

Inoltre il nuovo impianto andrebbe costruito in un area adiacente a quella attuale e più decentrata, per allontanare i processi di lavorazione dalle abitazioni e ridurre in modo significativo i problemi di traffico e il rumore di fondo, con la creazione di un ampia fascia a verde tra la cementeria e gli abitati di Virle e Mazzano.

Si richiede inoltre che tutti i mezzi circolanti cura di alcolismo in Tula anonimamente cava e nell area di trasporto del materiale seguano le direttive dell Unione Europea in materia di carburanti puliti e di emissioni. Chi garantirà ai cittadini che le nuove norme per contenere le emissioni verranno rispettate?

I due Comuni nomineranno un apposita Commissione di Controllo composta da tecnici ed esperti di piena fiducia con l incarico di controllare in tempo reale i dati di emissione della cementeria, con la possibilità di applicare provvedimenti e sanzioni, fino al blocco della produzione, nel caso i livelli di inquinamento risultino oltre la soglia concordata.

Anche i cittadini collegandosi a Internet potranno controllare in tempo reale le emissioni dal camino. Da molto tempo il Comune di Rezzato chiede all azienda di recuperare il calore prodotto. Oggi dai camini della cementeria esce una gran quantità di calore che si disperde nell atmosfera. Noi proponiamo che questo calore venga recuperato e messo a disposizione delle due comunità, anche sotto forma di teleriscaldamento: è un progetto innovativo che credo si debba perseguire, anche perché favorirebbe la diminuzione della CO2 gas che produce l effetto serra.

Se cura di alcolismo in Tula anonimamente troverà una corretta forma di convivenza, allora ben venga cura di alcolismo in Tula anonimamente il bonus del teleriscaldamento.

Concorso di idee per la realizzazione di una nuova struttura residenza sanitaria assistenziale per anziani. Approvazione ed affidamento diretto dei lavori di manutenzione ordinaria cimiteri ed effettuazione fosse anno luglio Approvazione progetto preliminare per manutenzione straordinaria e ripristino alveo porzione del canale Rudone, in via Macina.

Copyright © All Rights Reserved. 2018
Proudly powered by WordPress | Theme: BetterHealth by CanyonThemes.